Primi Piatti
Ora stai leggendo:
PENNE AL PESTO DI BASILICO … PIU’
1
3 3 0

PENNE AL PESTO DI BASILICO … PIU’

by Alfredo Di Domenico15 settembre 2016

Siamo in estate, quale periodo migliore per fare un bel piatto con il pesto al basilico, fatto fresco, mi raccomando. E a volte trasgredire alla solita dieta fa bene, ci fa stare meglio, importante non esagerare. Anche il basilico ha comunque le sue qualità benefiche per il nostro organismo. Contiene minerali come calcio, sodio, rame, potassio, fosforo, vitamine A, B1 B2 B3 B4 B5 B6, C ed E, e contiene anche una percentuale di beta carotene e grassi acidi di omega 3. La pianta del basilico è diventata, un ingrediente importantissimo nella dieta mediterranea.

Sono state classificate circa 60 varietà di basilico che si differenziano per l’aspetto e l’aroma. I più conosciuti in Italia sono il basilico comune, quello genovese e quello napoletano

 

Ingredienti:

Per il pesto di basilico:

20/25 foglie di basilico fresco

1 cucchiaio di pinoli

2 cucchiai di parmigiano reggiano

1 cucchiaio di pecorino

1 spicchio di aglio

Olio evo q.b.

Sale

 

  1. gr. penne rigate di Gragnano

6 pomodorini rossi

150gr.pancetta affumicata

60 gr. di pinoli

Olio evo q.b.

 

Procedimento:

 

Abbiamo dato un sapore in più al solito piatto di pesto al basilico, aggiungendo i pomodorini e la pancetta affumicata. Dopo aver preparato il pesto, ( basta mettere tutti gli ingredienti e passarli in un mixer) procediamo a tostare i pinoli e li mettiamo da parte. Nel frattempo la pasta cuoce, in una padella mettiamo dell’olio (giusto un nonnulla, in quanto già il pesto ne contiene abbastanza) e la pancetta affumicata, come soffrigge aggiungiamo i nostri pomodorini tagliati a metà, e lasciamo andare, finché la pancetta è diventata croccante e i pomodorini si sono appassiti. Appena la temperatura nella padella si è abbassata, aggiungiamo il pesto. Scoliamo la pasta al dente e mantechiamola in padella con il nostro sugo e integriamo con i pinoli tostati. Essendo un piatto molto saporito, si consiglia di assaporarlo così, senza aggiungere parmigiano reggiano.

Riguardo l'autore
Alfredo Di Domenico